Blog

I consigli di Leotours

Curiosità e novità nel mondo immobiliare

24 feb

Mutui prima casa per i giovani: quanto si risparmia?

 

Con il decreto "Sostegni bis" (d.l. 25 maggio 2021, n. 73) sono state introdotte agevolazioni per i giovani under 36 che acquistano la loro prima casa.

Di seguito riportiamo alcuni esempi per meglio comprendere il risparmio che si può trarre.

Quando si acquista casa da un privato l’acquirente deve pagare l’imposta di registro pari al 2% del valore catastale dell’immobile, l’imposta ipotecaria di € 50 e quella catastale, sempre pari a € 50. A questi costi si aggiunge l’imposta sostitutiva su finanziamenti, pari allo 0,25% del valore del mutuo concesso dalla banca. Un under 36 che compra un immobile da € 150.000 (con valore catastale pari a € 77.098), dovrebbe pagare un’imposta di registro pari a € 1.542, a cui vanno sommati € 100 per le due imposte (quella ipotecaria e quella catastale). A questi importi si aggiunge l’imposta sostitutiva sul mutuo che, per un finanziamento da € 120.000, è pari a € 300. Il risparmio in questo caso ammonterebbe a € 1.942, a cui si sommerebbe il risparmio ottenuto dalla riduzione dell’onorario del notaio.

Quando si acquista casa da impresa, con vendita soggetta a IVA, oltre a sostenere l’imposta di registro (€ 200), quella ipotecaria (€ 200) e quella catastale (€ 200), l'acquirente deve versare l’IVA agevolata al 4% e, in caso di mutuo, l’imposta sostitutiva sui finanziamenti (0,25% del valore concesso). Se, ancora una volta, ipotizziamo l’acquisto di un immobile di nuova costruzione del valore di € 150.000, il giovane acquirente dovrebbe quindi sostenere una spesa pari a € 600 per le tre imposte (ipotecaria, di registro e catastale), € 6.000 di IVA agevolata e € 300 per l’imposta sostitutiva sul mutuo. Il risparmio ottenuto sarebbe così di € 900, e un credito di imposta di € 6.000 pari all’IVA sul valore dell’immobile che può essere utilizzato in diminuzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla dichiarazione da presentare successivamente alla data dell’acquisto o utilizzato in compensazione.

Alle agevolazioni appena illustrate vanno poi aggiunte le disposizioni riguardanti il Fondo di Garanzia che prevedono appunto la garanzia dell’80% della quota capitale per le categorie di giovani under 36 con ISEE non superiore ai € 40.000 annui rientranti nelle categorie prioritarie che hanno ottenuto un mutuo superiore all’80% rispetto al prezzo d’acquisto dell’immobile (compresi gli oneri accessori). Per chi invece ha un ISEE superiore ai € 40.000, la garanzia resta del 50% della quota capitale.

Se rispetti i requisiti richiesti per ottenere questi importanti vantaggi, sicuramente ora è il momento giusto per pensare all’acquisto della tua Prima Casa! Consulta le nostre proposte nella sezione Vendite del sito.